TUTTO JUVE

Tutto Juve

Palazzo Dogana





banner sergio

RUBRICA: “SENTIAMO LA NUTRIZIONISTA” A CURA DI STELLA DI SESSA

 

ZENZERO: PROPRIETA’ BENEFICHE E CONTROINDICAZIONI

Lo zenzero è una pianta erbacea originaria dell’Asia orientale.

In cucina e per i rimedi naturali si utilizza il rizoma (o radice) di zenzero fresco oppure essiccato o ridotto in polvere.

Lo zenzero fresco si presenta come una radice nodosa di colore beige e con la polpa bianca, ha semplicemente più sapore di quello essiccato o in polvere ma non presenta differenze dal punto di vista dei principi attivi e delle relative, potenziali, attività benefiche.

Lo zenzero è composto da oltre 300 elementi chimici fra olii essenziali, fenoli, pectine, mucillagini, antiossidanti e ognuno di questi, singolarmente e/o in maniera sinergica,ha un effetto benefico sul corpo.

 

 

 

Attualmente, le ricerche su questo rizoma dalle tante virtù non sono ancora giunte al termine.

La medicina è concorde nell’affermare che, per ora, lo zenzero, come elemento fitoterapico, pare esplicare:

 

  • Ottime proprietà digestive, aiuta a velocizzare i processi di digestione, ma può anche aumentare l’appetito, stimolando la produzione di succhi gastrici, grazie a gingerolo, shogaolo ed ai complessi vitaminici A, B6 e K che favoriscono l’assorbimento dei cibi.

Il gingerolo contenuto nello zenzero è anche un ottimo carminativo perché ripristina la giusta acidità gastrointestinale ed aiuta a combattere la flautolenza e il meteorismo, favorendo l’eliminazione dei gas intestinali e contrastandone la nuova formazione.

In caso di semplici bruciori di stomaco, l’assunzione di zenzero fresco è utile perché è un antisettico naturale ed ha potere cicatrizzante (stimola i processi di risanamento dei tessuti).

 

  • Grandi virtù antiemetiche che calmano le nausee dovute al mal d’auto e di nave grazie ad estratti acetonici ed etanolici che regolano le azioni spasmodiche dello stomaco.

Masticare un pezzo di radice prima di mettersi in viaggio può aiutare a controllare la nausea ed il senso di vomito.

Il gingerolo e il zingiberene aiutano la produzione della flora batterica benefica, combattendo la presenza di batteri dannosi e dunque disturbi intestinali quali diarrea e stitichezza.

 

  • Proprietà curative per traumi e dolori reumatici. Gli impacchi caldi e le compresse di zenzero fresco sono molto utili contro i dolori reumatici ed i dolori muscolari dovuti a strappi, distorsioni e cadute perché lo zenzero ha proprietà decongestionanti, astringenti e coagulanti che favoriscono l’assorbimento del trauma e contrastano l’insorgere di gonfiori e dolori.

Combatte efficacemente, grazie alle virtù analgesiche e antinevralgiche, anche il mal di denti ed il mal di testa grazie ai suoi oli essenziali che contrastano i mediatori delle infiammazioni.

Gli impacchi sono anche utili contro ustioni, piccole ferite ed eruzioni cutanee come l’herpes perché lo zenzero con le sue qualità antisettiche e lenitive aiuta a combattere l’infezione dell’herpes,a cicatrizzare le piccole ferite e dà sollievo alle scottature.

 

  • Benefici contro il raffreddore e gli stati influenzali. Essendo un antisettico e antinfiammatorio aiuta a combattere il mal di gola anche nelle sue forme più gravi come faringiti, laringiti e tracheiti.

Può essere utile assumere zenzero in caso di polmoniti perché decongestiona le vie respiratorie e cura l’infiammazione dei bronchi.

Contrasta la tosse provocata dal raffreddore perché aiuta a sciogliere il muco e ne migliora l’espettorazione. È anche un blando antipiretico (abbassa la febbre) e può essere assunto come coadiuvante negli stati influenzali anche per le sue capacità diaforetiche (aumenta la sudorazione e quindi ha anche una funzione depurativa contro le tossine) .

 

  • Proprietà dimagranti e disintossicanti, per tonificare,aiutare a perdere peso, combattere il diabete e l’ipertensione arteriosa.

Lo zenzero è considerato un buon tonico perché facilita la circolazione del sangue e dei liquidi sottocutanei, grazie al composto gingerolo, dotato di proprietà toniche che stimolano le funzioni di tutto l’organismo, consigliato per gli stati di affaticamento ed esaurimento energetico.

E’ un buon alleato per chi vuole dimagrire in quanto è un ottimo termo genico (favorisce la formazione di calore e consente di bruciare calorie più in fretta).

Chi combatte con la cellulite o con chili di troppo dovrebbe masticare pezzetti di radice una o due volte al giorno e bere tisane e decotti a base di zenzero.

L’apporto calorico dello zenzero è molto basso, circa 80 calorie per 100 gr, ed è ricchissimo di fibre, vitamine del gruppo B, antiossidanti (vitime A, C ed E) e sali minerali che aiutano a velocizzare il metabolismo, riducendo il senso di fame e regolarizzando l’assunzione di cibo.

Infine, contenendo sostanze che diminuiscono la concentrazione di zuccheri nel sangue, favorendo l’assorbimento di glucosio da parte delle cellule muscolari indipendentemente dai livelli di insulina nel sangue, si è rivelato utile nel contrastare il diabete.

Alcuni principi attivi dello zenzero agiscono sulla circolazione sanguigna, sul cuore e la pressione. Chi soffre di patologie cardiovascolari e di ipertensione potrebbe valutare con il proprio medico l’eventuale assunzione di questa spezia.

 

  • Benefici contro l’astenia maschile perché stimola la circolazione periferica, la dilatazione dei vasi sanguigni e migliora la qualità dello sperma.

In generale, per il suo gusto leggermente piccante, viene indicata come spezia afrodisiaca.

 

 

Lo zenzero, come tutte le piante officinali, deve essere usato con oculatezza, senza mai esagerare nelle dosi perché potrebbe sortire effetti contrari a quelli desiderati come: bruciore di stomaco, aumento dei gonfiori all’intestino e relativi gas, stitichezza.

Potrebbe inoltre esasperare ulcere e gastriti anziché alleviarle. La presenza massiccia del gingerolo, infatti, aumenta l’acidità di stomaco.

Le donne in gravidanza non dovrebbero abusare dello zenzero che, benché abbia proprietà antivomiche e antiemetiche marcate, in dosi eccessive ed inadeguate, potrebbe essere pericoloso per il bambino perché il gingerolo ha anche proprietà abortive, stimolando le contrazioni uterine e la dilatazione. In merito, il parere del proprio ginecologo risulta fondamentale.

 

Dott.ssa Stella Di Sessa

Biologo Nutrizionista

.

 

 

 

 

 

CAPACCIO PAESTUM,IL SINDACO RIFÀ IL LOOK ALLA LICINELLA


Sono in corso da alcuni giorni e in via di ultimazione interventi di ripavimentazione, recupero e manutenzione di numerose arterie stradali in zona Licinella della Città di Capaccio Paestum. Gli interventi sono in parte, come da contratto, a carico dell’Amalfitana Gas per il ripristino conseguente ai lavori di metanizzazione e in parte a carico del Comune di Capaccio Paestum. Queste le strade interessate dai lavori: Via Licinella, Via Linora, Via Molino di Mare, Via Boccaccio, Via Manzoni, Via Matilde Serao. Le strade comunali sono state completate a carico del Comune. Le altre dall’Amalfitana Gas, come da contratto.“Queste strade – dichiara il Sindaco di Capaccio Paestum, dottor Italo Voza – si vanno ad aggiungere alle tante già riqualificate ed interessate da interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Dal 2012 ad oggi, come Amministrazione Comunale abbiamo compiuto interventi su circa 40 strade comunali. Un risultato eccezionale”. 

SALERNO,ESCONO DALLA DISCOTECA E LA LORO AUTO SI SCHIANTA,ILLESI 4 GIOVANI DI CETARA

Quattro giovani tra i 20 e i 27 anni di Cetara sono rimasti fortunatamente illesi dopo un grave incidente stradale avvenuto intorno alle 5 del mattino in via Benedetto Croce a Salerno in direzione Cava de’ Tirreni. I quattro ritornavano a casa, in Costiera Amalfitana, dopo una serata trascorsa in discoteca quando, per cause da accertare la BMW sulla quale viaggiavano si è ribaltata dopo aver urtato altre vetture in sosta.I quatto non hanno riportato conseguenze. Sul posto l’ambulanza Saut del distaccamento di Vietri sul Mare della Croce Bianca, una ambulanza della Croce Rossa, i Vigili del Fuoco ed i Carabinieri. Sono in corso verifiche sul tasso alcolemico del conducente della vettura e sulla eccessiva velocità.

LE PAROLE DI MISTER SORIANIELLO AL TERMINE DI MANFREDONIA-AGROPOLI

 

Un risultato che lascia rammarico, ma una prestazione che porta tanto ottimismo in casa Agropoli, questa la sintesi di questa breve e improvvisata intervista a Mister Luigi Sorianiello che potete ascoltare nel video sottostante:

 

L’AGROPOLI SCIUPA UNA GRANDE OCCASIONE A MANFREDONIA, MA LE PRESTAZIONI CONTINUANO A CRESCERE

L’Agropoli di Sorianiello prende sempre più forma e il pareggio sul campo di un avversario ostico, il Manfredonia, ne è la prova. L’Agropoli ha giocato un primo tempo migliore andando vicina al gol in almeno tre occasioni, trovando il gol con Cherillo al 41′. Nel secondo tempo, il Manfredonia inizia a rendersi pericolosa in diverse occasioni, anche se l’Agropoli quando può attacca e quando lo fa mette in difficoltà i “sipontini”. Nonostante ciò, Capozzoli segna un gol bellissimo al 62′ che porta i cilentani sul 2-0. Dopo il gol, il Manfredonia continua a spingere sull’acceleratore mettendo in difficoltà un’Agropoli che stava reggendo bene e che per un errore difensivo di Donnarumma permette al Manfredonia di pareggiare con La Porta al 68′. I padroni di casa sembrano imbufaliti e attaccano su ogni fronte, anche se l’Agropoli non resta affatto a guardare e spesso riesce a spazzare via il pallone lontano dalla propria area. Purtroppo, al 74′, si materializza il pareggio del Manfredonia ad opera di La Forgia e visto l’andazzo, Mister Sorianiello preferisce togliere Capozzoli e coprirsi maggiormente. Gli ultimi 10 minuti vedono l’Agropoli soffrire e rischiare in almeno due occasioni il gol del K.O., ma fortunatamente dopo 4 minuti di recupero, l’arbitro fischia la fine di una partita che lascia un forte rammarico per la rimonta dei pugliesi ma anche molta fiducia visto l’ottimo gioco espresso dalla squadra. Stefano Esposito

SERIE D LIVE MANFREDONIA-AGROPOLI 2-2

 WWW.TUTTOUSAGROPOLI.WORDPRESS.COM  WWW.CALCIOGOAL.IT

E’ PRONTO IL FILM A LUCI ROSSE AMBIENTATO IN COSTIERA AMALFITANA,SCENE TRA AMALFI E POSITANO

Film a luci rosse ambientato in Costiera Amalfitana. La pellicola hard è del famoso regista napoletano Max Bellocchio. Il titolo è “Love in Belvedere” e le scene sono state girate tra Amalfi e Positano.

La trama

Questa la trama del film: una intensa storia, ricca di amore e tradimenti. Una coppia di sposi decide di fare un bel viaggio nell’affascinante Costiera Amalfitana, un luogo tranquillo, dove trascorrere alcuni giorni di relax.

Il piccolo hotel è molto confortevole e l’atmosfera familiare mette subito a proprio agio sia Juan che Amandha. La gente del Sud è rinomata per essere molto calorosa. Per Juan e Amandha si presentano intriganti sorprese, opportunità di trasgredire, di evasione da quella che sembrava una normale vacanza.

La protagonista

Una giovane Alexandra Stein è la protagonista femminile della pellicola girata lungo la costa amalfitana. Tra i frequentatori della Divina c’è chi si interroga su quale sia l’albergo in cui sono state girate le scene. Con molta probabilità però solo le riprese esterne sono state realizzate negli splendidi scorci della Costiera Amalfitana. Le scene vietate ai minori saranno sicuramente state realizzate all’interno di un set cinematografico privato, molto spesso fuori dai confini nazionali.

 

SALERNO,FILM PORNO TRA LE MOZZARELLE E’ UN AMATORIALE

SALERNO. Film porno tra le mozzarelle girato a Salerno. La decantata mozzarella di bufala salernitana diventa “protagonista” in un film erotico. Alex Magni conferma la sua estrosità in tema di amatoriale con una pellicola sui generis girata in una vasca da bagno piena di latte e con le protagoniste delle scene calienti pronte a mettere in mostra l’oro bianco.Mozzarella in bella mostra e non solo in un divertente e trasgressivo gioco di doppi sensi. La scena della pellicola amatoriale è stata girata in un’abitazione di Salerno poco distante da piazza Scozia. La notizia ha scatenato, nel giro di poche ore, la curiosità degli amanti del genere ma anche di tanti salernitani curiosi, soprattutto, di avere notizie delle protagoniste delle scene mozzafiato per comprendere se tra queste c’è qualche conoscente se non addirittura parente.

 

Riprese girate in un’abitazione del centro

“Posso confermare che le donne mediterranee, e le campane in particolari, sono davvero donne passionali- ha dichiarato Alex Magni della Cento x Cento produzioni in esclusiva per Blasting News. Hanno una marcia in più… Sono un po’ in carne ma, vi assicuro, sono grandi amanti e trasmettono al meglio le emozioni che gli amanti del genere si aspettano di vedere in un film amatoriale. Sono le “attrici” ideali. Inoltre mi fa piacere sottolineare che ho riscontrato che i campani hanno un’insospettabile mentalità aperta. Non ho visto quella gelosia che spesso viene descritta come uno degli elementi connotanti del popolo meridionale. Mentre giravamo i mariti delle due donne salernitane protagoniste erano in un’altra stanza. C’è massima complicità”.

“Mentalità aperta, campane con una marcia in più”

Con la salernitana Mariarosaria anche un attrice amatoriale (Nietta) di origini torinesi, protagonista, molto apprezzata, di altri video bollenti. #Eros ma anche tanta mozzarella fornita dal titolare di un’azienda casearia salernitana. Particolare che ha scatenato la fantasia di Alex Magni che sulla pagina #facebook ha “postato” commenti ironici sulla produzione e la diffusione del gustoso prodotto, simbolo della tradizione salernitana, che nella circostanza è stata pubblicizzata in maniera del tutto particolare per confermare che la mozzarella fa salute.

 

CILENTANA ANCORA TEATRO DI INCIDENTE,IERI SERA SCONTRO FRONTALE

Il tratto tra la galleria di Prignano e la diga dell’Alento già di per se fatto male è diventato ora teatro di scontri continui.Ieri sera in ordine di tempo un altro incidente il cui bilancio è abbastanza grave.Il frontale tra una golf e una mercedes(foto Lettieri) ha causato 2 feriti entrambi i conducenti.Nessuno dei due è in pericolo di vita ma per il proprietario della mercedes alla guida  l’intervento dei pompieri è stato determinante perchè incastrato nelle lamiere è stato estratto poco prima che l’auto prendesse fuoco.Entrambi i feriti sono all’ospedale di Vallo della Lucania.

PONTECAGNANO,ANASTASIO AI GIUDICI: “NESSUN PATTO CON LA CAMORRA,NON AVEVO LA FORZA DI ESSERE ELETTO SINDACO”

PONTECAGNANO. «Non sono quella persona che avete descritto nell’ordinanza di arresto, mai fatto patti coi delinquenti», si è difeso così Antonio Anastasio, consigliere comunale di minoranza, durante l’interrogatorio di garanzia di ieri. In carcere, davanti al gip Pietro Indinnimeo, ha parlato per circa tre ore l’ex consigliere provinciale. L’interrogatorio è stato a tratti drammatico: «Non avevo interesse a far cadere la giunta Sica, né ho la forza elettorale per diventare sindaco della città». Al fianco dei suoi difensori, Antonio Boffa e Giuseppe Della Monica, Anastasio ha spiegato che se fosse stato sciolta l’Assise cittadina, non avrebbe potuto presentarsi alle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale dello scorso gennaio. Sui rapporti personali con i “guagliuni di Bellizzi”, in particolare con Francesco Mogavero, detto “Ciccio ’O Paccitiell”, il consigliere finito in manette ha riferito che lo conosceva solo per rapporti professionali legati alle sue attività.Al gip Anastasio ha ammesso di conoscere molte persone a Pontecagnano, ma molti degli indagati nell’operazione Perseo non li ha mai conosciuti. «Il nostro assistito ha fornito una ricostruzione particolareggiata – ha detto l’avvocato Boffa – fornendo giustificazioni documentate dei rapporti di natura imprenditoriale con alcuni degli indagati». Dieci dei sedici indagati sono stati interrogati ieri. Solo Anastasio ha reso spontanee dichiarazioni. Gli altri si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Ha scelto il silenzio Enrico Bisogni, uno dei “gemelli” di Bellizzi (l’altro è Sergio Bisogni), difeso dagli avvocati Raffaele Francese e Luigi Gargiulo, indicato dai pm Marco Colamonaci e Vincenzo Senatore quale uno dei “reggenti” il clan Pecoraro-Renna con Francesco Mogavero. Stessa linea difensiva l’hanno tenuta Maurizio De Martino (difeso da Luigi Capaldo e Pierluigi Spadafora), Francesco Altieri (difeso da Costantino Cardiello), Sergio Rainone (difeso da Roberto Concilio), Domenico Junior Vacchiano, Gioacchino Verderame, Emanuele Sessa, Antonino Madonna, e Francesco Sessa, difesi da Gianluca D’Aiuto. A Roma, dove si trova detenuto, è stato interrogato per rogatoria Antonio Fella (difeso dall’avvocato Antonio Ferrari) che, come gli altri, ha preferito non rispondere alle domande del giudice.C’è una data ricorrente nell’ordinanza dell’operazione Perseo: il 31 maggio dello scorso anno. Quello è stato un giorno di particolare attività investigativa dei carabinieri della compagnia di Battipaglia, diretti dal capitano Erich Fasolino, impegnati a garantire il democratico svolgimento del consiglio comunale di Pontecagnano. Quella era la seduta che, nei piani del gruppo guidato da Mogavero e dai gemelli Bisogni, doveva sancire la fine anticipata del mandato del sindaco Sica. Alla maggioranza che sostiene il primo cittadino doveva mancare il voto decisivo per l’approvazione del bilancio. Il tradimento, nei progetti degli arrestati, doveva farlo Luigi Bellino, consigliere comunale, che, al contrario, votò a favore e denunciò ai carabinieri le minacce subite da Ciccio Mogavero. Quel 31 maggio, a Pontecagnano, in strada c’erano due schieramenti che presidiavano la sede municipale: i carabinieri, a tutela dei consiglieri, e gli “guagliuni di Bellizzi”. Alla fine del Consiglio comunale che sancì l’approvazione del bilancio e fu salva la poltrona di Ernesto Sica, Mogavero e i suoi organizzarono una sorta di contro pedinamento ai militari della compagnia di Battipaglia, diretta dal capitano Erich Fasolino, passando più volte davanti alla sede del comando mentre i carabinieri stavano facendo un briefing veloce nel piazzale.Massimiliano Lanzallotti

CAGGIANO E’ IL GIORNO DEL LUTTO,IOAN E IONUT PADRE E FIGLIO SARANNO SEPOLTI IN ROMANIA,ANNULLATO IL CARNEVALE

I corpi di Ioan e Ionut, padre e figlio di 3 anni morti nel terribile schianto in auto avvenuto giovedì sera sulla statale tra Buccino e Auletta e nel quale ha perso la vita anche un 57enne di Potenza, Biagio Spinoso che viaggiava sull’altra auto,  saranno sepolti in Romania.A deciderlo la moglie, Nicoletta. Padre e figlio saranno tumulati nella terra d’origine ma oggi alle 14, a Caggiano nella chiesa di Sant’Antonio, si terrà il funerale. L’ultimo saluto per un padre e il suo bambino anche da Pertosa.  Poi le due salme partiranno per la Romania,dove saranno sepolte.I Carabinieri intanto lavorano per ricostruire nei dettagli la dinamica di quanto accaduto. L’impatto è stato violentissimo. Il giovane padre è morto sul colpo mentre il piccolo è spirato in ambulanza, prima di giungere in ospedale, a Polla. Gli inquirenti cercano di capire cosa sia accaduto in quel tratto maledetto che ha spezzato due famiglie e la vita di tre persone. Lo scontro frontale non ha lasciato scampo alcuno.La comunità di Caggiano è sotto shock per quanto accaduto. Ioan era arrivato undici anni fa e subito si era fatto apprezzare per la sua serietà, e la grande voglia di lavorare. Si era integrato benissimo.  Solo dieci giorni fa era diventato papà per la seconda volta.Proprio per questa grande vicinanza, il sindaco, Giovanni Caggiano, ha sospeso la festa di carnevale prevista per domani, domenica.  «In queste ore la comunità di Caggiano vive momenti di costernazione per la tragica scomparsa del giovane papà Samson Ioan e del suo piccolo Ionut, nostri amati e stimati concittadini.L’evento Carnevale in compagnia, programmato per domani, viene sospeso», si legge nella nota diramata dal Comune.

DOMANI TORNA LA RUBRICA: “SENTIAMO LA NUTRIZIONISTA” A CURA DELLA DOTTORESSA STELLA DI SESSA

Torna domani sul nostro blog la Rubrica “Sentiamo la Nutrizionista” a cura della dottoressa Stella Di Sessa.Appuntamento a domani con le Zenzero.

OGGI POMERIGGIO L’AGROPOLI IN CAMPO A MANFREDONIA PER I PUNTI SALVEZZA

Anticipo di campionato per la concomitanza del carnevale a Manfredonia.L’Agropoli di Sorianiello privo ancora di Annese(foto) gioca alle 15.00 alla ricerca disperata dei punti per la salvezza.Dopo il pareggio casalingo contro la capolista Trastevere i delfini tentano di dare discontinuità a quanto è successo nelle ultime 3 trasferta nelle quali hanno beccato 13 reti senza segnare un solo goal.Nel Manfredonia c’è Pazienza ex Napoli,Udinese e Juventus e La Porta due elementi di grandissimo spessore.

SALERNO,PRETE ELETTO AL VERTICE DI CONFINDUSTRIA

Nel pomeriggio di venerdì 24 febbraio nella sede associativa ha avuto luogo l’Assemblea Privata dei Soci di Confindustria Salerno durante la quale è stato eletto il Presidente di Confindustria Salerno per il quadriennio 2017-2021 votando il Presidente designato, Andrea Prete ed i Vice Presidenti. Prete che torna alla guida dell’ente camerale dopo quattordici anni dal suo primo insediamento (2003-2007) ha ottenuto il 100% di consensi con 580 schede favorevoli, subentra ufficialmente all’uscente Mauro Maccauro.Era presente anche Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria Nazionale: «Qui c’è un Mezzogiorno – ha sottolineato Boccia – che vuole e inizia a reagire ma le incertezze politiche nel Paese non sono affatto positive per le medie di settore. Ad Andrea Prete facciamo un grande in bocca al lupo, gli saremo vicini. La sua storia associativa è la garanzia del futuro di Confindustria Salerno».

BASKET A2, AGROPOLI MORTIFICATA IN DIRETTA TV, BASTA UMILIAZIONI CON IL NOME DELLA CITTA’

Si può anche perdere, si può anche retrocedere, si può anche sbagliare un’annata ma non si può perdere la dignità. Ora basta, questa retrocessione deve essere gestita meglio. La vergogna è andata in scena su Sky Sport 3, 89-51, ben 39 punti di scarto e soprattutto giocatori annichiliti da una formazione neanche tanto forte come il Novipiù di Casale Monferrato. I delfini non sono stati mai in partita e neanche l’esordio del nuovo acquisto, Soloperto (8) è servito a mantenere la furia dei giocatori locali. E’ evidente a questo punto che le responsabilità del coach sono tantissime ma non sia il capro espiatorio di una situazione nella quale le colpe sono anche di altri. A cominciare dalla mancanza del Palazzetto dello Sport a finire alla scadente preparazione atletica. Questa non è una squadra che deve retrocedere in questo modo. Forse il meno responsabile è colui che in settimana si era preso tutte le colpe, Franco Di Sergio. Queste brutte figure non si possono fare nel nome di una città, a questo punto chiamatela diversamente ma non con il nome di Agropoli perchè è vero come è vero che l’anno scorso, Paternoster e Di Sergio fecero i miracoli per portarla in alto anche attraverso il grande lavoro fatto, ma è anche vero che quest’anno troppi errori sono stati compiuti. Senza il palazzetto dello sport, società che ha fatto la guerra alla tifoseria dal primo giorno, coach rimasto indifeso e in balia delle onde blindato solo dal proprio contratto, lo smantellamento di un organico vincente come quello dell’anno scorso, il cambio societario e tanti altri motivi hanno portato a questa situazione. Non sfugga nemmeno un altro aspetto che noi avevamo anteposto quando parlavamo dei successi del Basket Agropoli. La presenza di Ciro Ruggiero e il suo Cilento Basket costituiva lo stimolo giusto e necessario per far crescere il Basket Agropoli, mancato quello è mancato il punto di riferimento. Eppur si poteva anche tirarlo dentro dato che non aveva più intenzione di fare il Cilento Basket, Ciro Ruggiero e non farlo scappare a Napoli dove si sta confrontando in una grandissima piazza con imprenditori partenopei. Il nome di Agropoli non merita di essere infangato in questo modo ne tanto meno si può assistere ad un declino così repentino di una parabola bellissima. Non accettiamo nessuna difesa d’ufficio, ne dai tesserati, ne dai dirigenti, ne dai presidenti onorario o non onorario, ne tanto meno da leccaculo di professione che girano intorno ai cestisti e alla dirigenza. Non si salva nessuno. Fateci il piacere abbiate la decenza di stare zitti e di salvare il salvabile. Sergio Vessicchio

 

SALERNO,RAGAZZA METTE IN FUGA TRE LADRI RUMENI

Hanno tentato di entrare in una casa in via Santa Margherita, nel quartiere Pastena a Salerno, ma una ragazza che era all’interno del’abitazione li ha messi in fuga. I tre malviventi, tutti di nazionalità rumena, sono adesso ricercati dai carabinieri, che hanno avviato le indagini per fermare la banda.

BATTIPAGLIA: VINCENZO D’AMBROSIO SORPRESO A RUBARE ATTREZZI PER EDILIZIA NEI BOX AUTO ARRESTATO

Questa mattina, a Battipaglia, i Carabinieri della locale Compagnia hanno tratto in arresto il pregiudicato Vincenzo D’AMBROSIO, 28enne di Afragola, per furto aggravato in concorso.I militari, nel corso di servizio perlustrativo notturno, su segnalazione giunta sull’utenza di pronto intervento, si sono portati presso la cooperativa “I Maggio” di via Armellini di Battipaglia, sorprendendo il giovane, nei sottostanti box auto, in possesso di varia attrezzatura per edilizia.I successivi accertamenti hanno permesso di stabilire che il 28enne, durante la notte, unitamente ad altre persone riuscitesi a dileguare, aveva forzato sei garage pertinenziali dai quali aveva asportato il materiale, fra cui trapani, smerigliatrici e motoseghe per un valore complessivo di circa 3.000 €uro, restituito ai legittimi proprietari.L’arrestato, espletate le formalità di rito, viene trattenuto nella camera di sicurezza della Compagnia di Battipaglia in attesa di giudizio con rito direttissimo disposto per la mattinata di domani 25 febbraio.COMUNICATO STAMPA CARABINIERI DI BATTIPAGLIA

AGROPOLI,VERGOGNA PER CIRCA UN’ORA 5 RAGAZZINI HANNO TENUTO IN OSTAGGIO LA PIAZZA CENTRALE

Per circa un’ora tra le 18.00 e le 19,00 5 ragazzini tra i 7 e i 10 anni con un pallone super santos hanno giocato in lungo in largo in piazza Vittorio Veneto coinvolgendo un cane che abbaiava a squarcia gola rincorrendo il pallone che veniva giocato dai ragazzini. Il tutto con signore e signori anziani che passavano e pericolosamente venivano sfiorati e minacciati dalle pallonate,dalla furia del cane e dal casino che hanno fatto.Davanti ai bar la gente spazientita e anche impaurita è dovuta andare via,d’un tratto la piazza centrale di Agropoli si è svuotata. L’ennesimo atto di inciviltà non tanto per i ragazzini che spensieratamente giocavano a calcio come fanno sempre(ma non dovrebbero farlo in quel modo)ma per il il signore che ha sciolto il cane e soprattutto per la mancanza di controlli.La piazza è lasciata nel più totale abbandono.Le autorità devono intervenire.

AGROPOLI,27.000 EURO PER IL CARNEVALE LA DELIBERA E’ DI OGGI

A 2 giorni della prima sfilata dei carri allegorici l’amministrazione comunale di Agropoli ha assegnato 27,000 euro per il carnevale di Agropoli e 3,500 euro per la corrida.Un totale di oltre 30.000.Anche quest’anno l’ente pubblico,come sempre, si è svenato per sostenere una manifestazione come il carnevale che non si riesce a migliorare ne a far inserire nei circuiti nazionali e rimane circoscritta ad Agropoli e i paesini intorno.Quest’anno arriveranno i camper e alcuni pullman come abbiamo anticipato ieri ma cosa vedranno?.Da tempo sosteniamo che il carnevale di Agropoli è fatto male ed è gestito peggio.Il bilancio lo tireremo successivamente intanto vi proponiamo alcune immagini dei carnevali di quest’anno che già si stanno svolgendo a Sciacca,Civica Castellana e Acireale.Senza scuole di ballo,con percorsi pre stabiliti e con grandi manifestazioni di sostegno.Rapportandolo al calcio si può dire che il carnevale di Agropoli è di terza categoria.Ognuno può vederli sulla pagina facebook carnevali d’Italia. https://www.facebook.com/carnevaliditalia/?fref=ts

LITORANEA ANCORA INVASA DA “MIGNOTTE”,ORMAI E’ EMERGENZA,LA DENUNCIA DELLA CONFCOMMERCIO

Emergenza prostituzione in litoranea: imprenditori e cittadini levano il grido d’allarme. E invocano maggiori controlli da parte delle istituzioni. La denuncia arriva da Confcommercio. «Abbiamo ricevuto dai nostri soci – dichiara il presidente, Massimo Sorvillo – numerose segnalazioni in merito all’imperversare della prostituzione e dei furti in litoranea: anche così si distrugge una fetta di commercio».Il timore, infatti, è che il dilagare della piaga sociale «possa penalizzare la prossima stagione turistica». Sorvillo incalza l’amministrazione comunale: «Se la zona fosse presidiata e venissero comminate delle contravvenzioni, non soltanto il fenomeno s’indebolirebbe, ma il Comune ricaverebbe anche degli introiti economici».Il quadro impietoso trova conferma nelle parole degli operatori. «Sembra Beirut», afferma con indignazione Alberto Serritiello, presidente del Consorzio “La Riviera Salernitana” e proprietario del Central Camping. Lui, che è del mestiere dal 1999, denuncia «un peggioramento della situazione di anno in anno». Dati allarmanti: «Subisco 6 furti all’anno, e perdo anche i clienti». Serretiello scagiona il Comune e attacca il governo: «La gente in permesso si ritrova a delinquere». E poi «le prostitute sono ovunque, anche davanti alle strutture». Serritiello confida nel protocollo d’intesa per la riqualificazione della costa stipulato con i sindaci dei comuni tra Salerno e Agropoli: «Io ci credo». E propone «attività per tutto l’anno».Giuseppe De Martino, titolare de La Baia dei Delfini, aggiunge: «D’inverno la prostituzione prolifera, ma anche d’estate è dura, perché di notte riprende, e noi siamo aperti anche di sera». L’imprenditore chiede ai sindaci di Pontecagnano, Battipaglia e Eboli, di attivarsi per «una collaborazione interforze tra i tutori dell’ordine, con copertura di 24 ore».Chiede poliziotti e carabinieri anche Marco Galante, del lido Mediterraneo: «La loro presenza – dice – sarebbe il solo deterrente, ma il problema è che la prostituzione non è un reato». Sono illecite, infatti, soltanto le attività di intermediazione e favoreggiamento. Anche a detta di Galante, «occorrerebbe tener viva la litoranea d’inverno».E poi c’è Felice Santoriello, proprietario dell’Hotel Sabbiadoro e di alberghi in Sardegna e in Repubblica Ceca. «Siamo riusciti a portare degli stranieri in litoranea – dice – ma è imbarazzante doversi giustificare per la presenza di extracomunitari e prostitute». Dopo oltre 10 anni di attività, Santoriello sa che la prostituzione è affare quotidiano sul litorale: «C’è una pausa tra le 17 e le 19, e fanno il turnover». La sua soluzione:«Al posto della sindaca, assumerei altri vigili con contratti semestrali perché elevino contravvenzioni quotidiane».A Palazzo di Città, per rimpolpare la polizia municipale, si valuta l’assunzione di stagionali. Da destinare al litorale?Carmine Landi