Lady Mari Ristorante Prignono Cilento
Agropoli Booking
Ristorante Palazzo Dogana Resort Agropoli
Cilento Vacanze Portale Turistico
Trefriends Agropoli
Dottoressa Stella di Sessa Nutrizionista

AGROPOLI,I NUMERI DEL NUOVO OSPEDALE,SALVATI 10 INFARTUATI IN 2 MESI E NON SOLO,MA DEVE CRESCERE

Nonostante l’ostruzionismo di Vallo della Lucania, il pronto soccorso di Agropoli ha fin qui realizzato:
– 2800 accessi
– 150 ricoveri
– 10 infarti arrivati con mezzi propri inconsapevoli della loro situazione clinica, trattati, stabilizzati e poi trasferiti.

Ad ottobre partirà la microchirurgia in day surgery mentre è stato approntato un concorso che assegnerà al presidio 15 medici.Ora, tutto è migliorabile e, ognuno, anche i cittadini, per quelle che sono le rispettive competenze, deve fare la propria parte.Non si può negare però, o peggio denigrare, l’utilità del presidio stesso, al netto delle carenze ed eventuali disfunzioni che vanno corrette.Non vorrei, che ancora una volta, si buttasse via il bambino insieme all’acqua. Immagino che, senza il pronto soccorso in città, i 10 infartuati ora salvi, non avrebbero dato il giusto peso al “dolorino” che accusavano.Cerchiamo di crescere! Giovanni Petrizzo

CILENTO, TORNA IL FESTIVAL DELLA DIETA MEDITERRANEA

Quaranta giorni di eventi per parlare di sostenibilità ambientale, biodiversità, agricoltura, cibo di qualità e promozione territoriale. Torna dal 28 luglio al 2 settembre nel Cilento, a Pioppi, il Festival della Dieta Mediterranea. Il taglio del nastro della nuova edizione avverrà domani, alle ore 18.30, al Palazzo Vinciprova di Pioppi (Pollica), sede del Museo Vivente della Dieta Mediterranea, con l’incontro inaugurale “La biodiversità in tavola. Api, mieli e Dieta Mediterranea”. Il Festival – organizzato da Legambiente e dal Comune di Pollica con il patrocinio della Regione Campania e del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e il supporto di Alma Seges – per quaranta giorni metterà al centro dell’attenzione non a caso il Cilento e la città di Pollica, una delle sette comunità emblematiche della Dieta Mediterranea individuate in sede di dichiarazione Unesco, dove ha soggiornato, vissuto e studiato Ancel Keys, l’epidemiologo statunitense scopritore del nesso diretto tra regime alimentare (connesso allo stile di vita) e patologie cardiovascolari. Un evento che intende celebrare e diffondere i sani principi della Dieta Mediterranea, dalla corretta alimentazione all’attività fisica allo stile di vita sostenibile. All’evento inaugurale prenderanno parte Mielizia e il Consorzio nazionale apicoltori (Conapi), che con Legambiente ha avviato una collaborazione con l’obiettivo di dare senso e valore ad un’agricoltura senza chimica di sintesi, ecologica, di qualità e legata ai territori. Il mondo dell’apicoltura, intimamente legato alla tutela dell’ambiente e della salute, nonché fedele indicatore dei mutamenti climatici, rappresenta un nodo strategico nell’affrontare i temi dell’agricoltura e nel definire la diffusione di pratiche agroecologiche che rispettino i criteri ambientali minimi, a cominciare dalla biodiversità e dalla fertilità del suolo, elementi fondamentali per garantire la qualità e la sicurezza alimentare. Al termine dell’incontro è previsto uno showcooking di Giovanna Voria, chef ambasciatrice della Dieta Mediterranea. Antonio Vuolo

TRENO FERMO PER QUATTRO ORE ALLA STAZIONE DI BATTIPAGLIA: PASSEGGERI SOCCORSI DALLA PROTEZIONE CIVILE

BATTIPAGLIA – Treno intercity bloccato per quattro ore alla stazione ferroviaria. L’episodio si è vericiato la scorsa notte. I passeggeri sono stati soccorsi dai volontari della protezione civile. Il vicesindaco di Battipaglia con la delega alla protezione civile, Ugo Tozzi ha allertato anche alcune ambulanze del 118 per gestire la eventuale emergenza sanitaria che poteva verificarsi a causa di  malori avvertiti da diversi viaggiatori presenti sul convoglio. I volontari della protezione civile hanno assistito i viaggiatori distribuendo un centinaio di bottiglie d’cqua in attesa che il treno potesse ripartire e raggiungere la sua destinazione finale. Paolo Panaro

DIMENTICA BORSA CON 15.000 EURO: I VIGILI LA RITROVANO E LA RESTITUISCONO ALL’ANZIANO

È sceso alla fermata dell’autobus e ha lasciato il borsello sui gradini di un’edicola per la rivendita di giornali. L’anziano, dopo pochi minuti è andato via a piedi, lungo via Matteotti. All’interno del borsello c’erano oggetti preziosi, spille d’oro, documenti e due portafogli. La scena non è passata inosservata ad alcuni cittadini. Incuriositi dalla borsa, i ragazzi del posto hanno chiesto l’intervento dei vigili urbani. Gli agenti della polizia municipale si sono precipitati in piazza della Repubblica. Recuperato il borsello, i caschi bianchi sono tornati al comando e hanno effettuato l’inventario dei beni custoditi.  L’ammontare degli oggetti preziosi è di 15 mila euro. Gli agenti della polizia locale hanno telefonato alla moglie anziana del pensionato distratto. La borsa è stata riconsegnata a un parente della coppia. I due anziani vivono a Calabritto e viaggiano spesso con i mezzi pubblici. Resta un mistero il motivo di un viaggio con tanti oggetti preziosi da parte del pensionato. Una banale amnesia rischiava di trasformarsi in una clamorosa beffa per la coppia di coniugi avellinesi. Il civismo dei cittadini e il pronto intervento dei vigili urbani hanno evitato un danno clamoroso ai due facoltosi anziani. Francesco Faenza

TRECENTO POSTI DI LAVORO IN BILICO A BATTIPAGLIA: IL TRIBUNALE DI SALERNO BOCCIA L’ASI

La prima sezione civile del Tribunale di Salerno torna a disegnare i confini del Consorzio Asi a Battipaglia. Nel frattempo, però, circa una decina di richieste di insediamenti produttivi rimangono bloccate in attesa del nulla osta del Consorzio. Il giudice Guerino Iannicelli ha infatti rigettato la richiesta di annullare la delibera con cui, nel 2011, il Consiglio comunale aveva votato il recesso dal Consorzio. La decisione è arrivata dinanzi alla giustizia ordinaria dopo una sentenza del Tar, che aveva dato ragione al Consorzio, e la decisione del Consiglio di Stato, che aveva accolto il difetto di giurisdizione della giustizia amministrativa. Nella sentenza pubblicata due giorni fa si legge: «Le ragioni di incompatibilità con gli obiettivi istituzionali dell’ente consortile – scrive il giudice Iannicelli – non implicano l’appartenenza obbligatoria e necessaria al Consorzio degli enti territoriali, in senso contrario ad una disciplina regionale e statutaria improntata al principio della volontarietà». Un punto a favore dell’Amministrazione comunale, che negli scorsi mesi aveva confermato la volontà di recedere dall’Asi: «Questa sentenza rappresenta un ulteriore tassello di quella strada che il Comune di Battipaglia ha inteso intraprendere – ha commentato Cecilia Francese – sempre di più diventa necessario che i vertici Asi e tutti i soggetti interessati ne prendano atto e si chiuda una lunga fase di contenzioso». Anche il segretario del Partito democratico è intervenuto sulla questione: «È intollerabile un sistema che chiede di pagare a due enti diversi e chiede due procedimenti diversi, appesantendo la burocrazia con tempi lunghi – ha commentato Davide Bruno – con l’Asi abbiamo avuto la paralisi dello sviluppo. Rivendichiamo la battaglia per lo sburocratizzazione, per le scelte del territorio. È il momento di tornare alla normalità con il Suap quale unico soggetto per tutti i procedimenti per le attività produttive». Una situazione che ha già bruciato centinaia di posti di lavoro. Secondo documenti interni al Comune vi sono otto imprese pronte a insediarsi sul territorio. La situazione di incertezza, però, ha fermato tutto, con quasi 300 posti di lavoro fermi al palo. Marco Di Bello

VENTO E PIOGGE FORTI, GIA’ DISTRUTTA L’ISTALLAZIONE DI TRESOLDI A SAPRI

Il maltempo di ieri ha portato via l’opera di Edoardo Tresoldi, installata nello specchio acqueo antistante la spiaggetta di Santa Croce. Una scultura in rete metallica realizzata dal giovane artista di fama internazionale per “Derive” Vengi, un  progetto di valorizzazione e promozione dell’area archeologica della Città della Spigolatrice. Era stata inaugurata nemmeno una settimana fa, venerdì scorso. Il vento e la pioggia violenta di ieri hanno reso l’opera pericolante. Nel pomeriggio la scultura, che rappresentava un veliero, è stata smontata. Si trattava di una installazione temporanea. Sarebbe dovuta rimanere in quella preziosa località storica di Sapri, dove sono ancora presenti i resti dell’antico porto romano, soltanto per un breve periodo. Doveva fungere da attrattore turistico almeno per qualche mese, considerando anche i costi che sono stati affrontati per realizzarla. Una installazione temporanea, destinata dunque alla rimozione. Il maltempo di ieri, però, ha reso necessario un immediato smontaggio della particolare scultura, perché il vento ha reso pericolanti le colonne di metallo che la componevano.  L’opera di Tresoldi è stata a disposizione del pubblico appena sei giorni. Un episodio destinato a far discutere. Si trattava di una scultura che rientrava in una operazione, di circa 280 mila euro, per il recupero e la valorizzazione dell’area archeologica di Santa Croce. Un progetto finanziato in parte dalla Regione ed in parte dal Comune. Antonietta Nicodemo

SALERNO: CONSIGLIO COMUNALE APPROVA TUTTI I PUNTI ALL’ORDINE DEL GIORNO / VIDEO

Banchi dell’opposizione semivuoti in Consiglio Comunale nell’ultima assise prima della pausa estiva. Approvati tutti i punti all’ordine del giorno con tanto di novità annunciata dall’Assessore al Bilancio Roberto De Luca. La variazione di bilancio – ha detto Roberto De Luca – consentirà alla macchina amministrativa di avere altre risorse da investire negli interventi di pubblica utilità a cominciare dal fronte del Mare.

Ecco i punti approvati dal consiglio comunale di Salerno

1. Approvazione verbali seduta del 29.05.2017
2. Interrogazioni ed interpellanze
3. Provvedimenti finanziari :

Variazione di bilancio – ratifica deliberazione di G.C. n° 165 del 07.06.2017
Assestamento al bilancio 2017 – ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica degli equilibri di bilancio – deliberazione di G.C. n° 221 del 18.07.2017
Documento Unico di Programmazione DUP – approvazione – deliberazione di G.C. n° 220 del 18.07.2017

4. Realizzazione edificio di culto lottizzazione “ Il Galiziano “ loc Torrione Alto – revoca
5. Legge 23.12.1998 n° 448 art. 31ccomma 21 – accorpamento a titolo gratuito al demanio stradale comunale dell’area di proprietà privata costituente parte delle sedi stradali di via Felline , via Antonio Migliorati, , via Federico della Monica e via Mattia Farina – provv.ti – deliberazione di G.C. n° 172 del 20.06.2017
6. Realizzazione centro parrocchiale – parrocchia S. Margherita e S. Nicola del Pumpolo in località Pastena – provv.ti
7. Nomina componenti Commissione Locale per il Paesaggio – provv.ti.

ORRIA,RIAPRE AL PUBBLICO LA CASA DI PAOLO DE MATTEIS A PIANO VETRALE,TRE GIORNI DI FESTA

UN ANTEPRIMA ASSOLUTA QUEST’ANNO PER LA PRIMA VOLTA A PIANO VETRALE IL 28/29/30 LUGLIO IN OCCASIONE DEL PENNELLO D’ORO VERRA’ APERTA AL PUBBLICO LA CASA DEL NOSTRO GRANDE ARTISTA PAOLO DE MATTEIS… UN EVENTO STORICO… L’AMORE PER IL  PAESE E LA PASSIONE PER IL GRANDE PITTORE HA PORTATO   AD ORGANIZZARE DURANTE LA MANIFESTAZIONE INSIEME ALLA PROLOCO UN PERCORSO ARTISTICO PER LE VIE DEL BORGO CON L’ESPOSIZIONE DI VARIE OPERE… CONCLUDENDOSI PROPRIO NELLA CASA DEL DE MATTEIS. DOVE VERRANNNO ESPOSTE ALCUNE SUE OPERE. LA CASA DEL DE MATTEIS SARÀ TRASFORMATA IN QUESTA OCCASIONE IN UN PICCOLO MUSEO CHE OSPITERÀ UNA COLLEZIONE DI STAMPE IN ACQUAFORTE DEL MAESTRO LUCA GIORDANO. E IN ULTIMO VI SARANNO DELLE OPERE DEI FRATELLI SARNELLI ALLIEVI DEL DE MATTEIS. OLTRE ALLE OPERE VI SARÀ UNA BIOGRAFIA DEL 1840 DEL DE DOMINICI I FRANCOBOLLI E VARI ALTRI CIMELLI APPARTENENTI A PAOLO DE MATTEIS.

Il sindaco Mauro Inverso (NELLA FOTO) ha voluto questa tre giorni e dice : “L’evento più importante è l’apertura al pubblico, per la prima volta, della casa natia di Paolo De Matteis  oltre all’appuntamento sui Murales che si  fa da ben 37 anni ovvero da quando un gruppo di studenti, tra cui io, ideammo questa manifestazione culturale per promuovere il territorio ed il paese Piano Vetrale in onore del suo figlio Paolo De Matteis rinomato artista mondiale del ‘600 napoletano, allievo prediletto di Luca Giordano nativo di Piano del Cilento oggi Piano Vetrale E proprio per non rimanere tra gli steccati dei confini campanilistici, in occasione della XXXVII edizione del Pennello d’Oro, Per la I edizione del Pennello enogastronomico sveleremo una piacevole novità!! Sabato 29 Luglio ospiteremo gli amici della Sagra del fusillo di Felitto….per noi e per voi, il FUSILLO FELITTESE, rinomato e conosciuto su tutto il territorio nazionale”.Il Sindaco Inverso, forte dell’esperienza da vice sindaco ed assessore al turismo della città di Agropoli, lavora sodo per far crescere e far diventare un’attrazione turistico-culturale il borgo dipinto: Piano Vetrale.Quest’anno, peraltro, a Giffoni Valle Piana, Il cortometraggio per la categoria “Territorio” “Un viaggio entusiasmante tra presente e passato” dei bambini della scuola primaria di Orria ha vinto il premio “School Movie 2017” della 47esima edizione Giffoni Film Festival. A questo evento Orria ha partecipato per la prima volta; partecipazione voluta fortemente da me. Per Orria è stata una grande vetrina mediatica, una importante occasione colta in pieno anche per il fatto che il premio è stato consegnato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Maria Elena Boschi e dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca insieme all’ideatrice della manifestazione Enza Ruggiero e del patron del Giffoni Film Festival Claudio Gubitosi.Francesco Nettuno

CAVA: TENTA DI RUBARE IN APPARTAMENTO DEL CENTRO INSEGUITO E ARRESTATO 37ENNE NAPOLETANO

Sventato un furto in appartamento, questa mattina, in pieno centro a Cava de’ Tirreni. Agenti della Polizia Locale, allertati da alcuni cittadini, intorno alle 9.30 hanno inseguito e arrestato un uomo che insieme ad altri due complici stava cercando di introdursi in un appartamento di un palazzo in Via Alcide De Gasperi. L’intervento, svolto congiuntamente con il Commissariato della Polizia di Stato, si è concluso dopo un inseguimento tra i cortili dei palazzi fino a Via Arena dove D.I., napoletano di anni 37 anni, è stato bloccato dagli agenti della Polizia Locale mentre tentava di scavalcare un cancello per raggiungere via XXV Luglio. Gli altri due complici, invece, sono riusciti a dileguarsi. Il malvivente è stato poi preso in consegna dagli agenti della Polizia di Stato che lo hanno condotto presso il Commissariato di Corso Palatucci per l’interrogatorio e il prosieguo delle indagini volte ad individuare gli altri due complici.Proprio stamani è stato anche inaugurato il drappello “Centro Storico”, della Polizia Locale aperto in via Sorrentino, 17, nei locali che ospitano anche il Punto Inps. Presenti, il sindaco Vincenzo Servalli, il presidente del Consiglio comunale, Lorena Iuliano, il consigliere comunale delegato alla Polizia Locale, Giovanni Del Vecchio e il tenente colonnello Giuseppe Ferrara. Il nuovo punto sicurezza in pieno centro, a regime, permetterà un maggior controllo del centro cittadino e consentirà di avere anche un front-office per i cittadini. «L’arresto operato dalla Polizia Locale congiuntamente con la Polizia di Stato – afferma il sindaco Servalli – è un ulteriore elemento di garanzia sull’operato delle Forze dell’Ordine, seppur con le note criticità di organico, a conferma, stante i dati del Ministero degli Interni, che i reati in Città risultano in calo. Un ringraziamento in particolare ai nostri agenti che sono riusciti a sventare il furto e bloccare uno dei ladri. E proprio nell’ottica di un maggior controllo del territorio e per avvicinare la Polizia Locale ai cittadini, stamattina abbiamo inaugurato gli uffici del drappello centro storico». Tra le altre attività connesse alla sicurezza anche l’implementazione della rete di videosorveglianza. «Stiamo ultimando altre tre installazioni di street control fissi – afferma il consigliere Del Vecchio – per controllare altrettanti punti di accesso della città che si aggiungono alle altre telecamere sparse in città e che amplieremo maggiormente anche sulle frazioni. A breve avremo anche il nuovo comandante per dare un nuovo assetto organizzativo alla Polizia Locale».

MAIORI, TRAGEDIA SFIORATA: UOMO RISCHIA DI ANNEGARE E VIENE SALVATO DAI BAGNINI DELL’HOTEL SOLE SPLENDID

Poteva finire in tragedia l’episodio di questa mattina a Maiori, in Costiera Amalfitana. Sulla spiaggia che si trova difronte all’Hotel Sole Splendid, un uomo stava annegando ma è stato salvato in extremis da alcuni bagnini dell’Hotel in questione. Dopo essersi tuffato, quest’ultimo, probabilmente per un malore, ha avuto difficoltà a tornare indietro e ha cominciato a chiedere aiuto. Due dipendenti dell’albergo, però, coraggiosamente hanno fatto il loro dovere e si sono gettati in acqua per salvare il malcapitato, trasportandolo sul bagnasciuga. Il turista, però, aveva perso i sensi, così gli sono state praticate tutte le manovre del caso dopo di che sono stati tempestivamente chiamati i sanitari: rianimato da questi, l’uomo è stato portato in Ospedale a Castiglione di Ravello. Fortunatamente tutto è andato per il meglio e la tragedia è stata solo sfiorata.

VALLO DELLA LUCANIA IN FESTA E’ SAN PANTALEONE,DIOCESI IN RIFLESSIONE,STASERA PROCESSIONE

AGROPOLI,IL SINDACO COPPOLA DIFENDE IL RIPASCIMENTO: “LAVORI FATTI BENE E ANCORA IN ATTO”

Sollecitato dalle critiche dell’opposizione,dai deficienti del web e sopratutto dai fangaioli tra i quali qualche delinquente intellettuale che si spaccia per segretario di un partito che non esiste e noto come autore di lettere anonime contro la gente,questi non aspettavano altro ma  il sindaco Adamo Coppola risponde per le rime a chi fa notare che il ripascimento sul lungomare è stato un disastro dopo che la mareggiata degli ultimi giorni ha praticamente  inghiottito la sabbia portata un mese fa: “«I lavori del lido Azzurro, così come sul lungomare non sono terminati. Nel primo caso si sta vagliando l’ipotesi di porre in essere, oltre ai due pennelli da predisporre nella parte antistante la spiaggia del lido Azzurro, anche una barriera soffolta davanti al varco della barriera emersa esistente. Questo potrebbe avere la doppia funzione di frenare la forza del mare e di bloccare la posidonia, altro annoso problema nel bacino  e a chi pensa di essere ancora in campagna elettorale non rispondo». Mentre per la spiaggia del lungomare precisa: «Nessuno ha mai affermato che i lavori di ripascimento sono finiti, andranno avanti ancora per i prossimi due anni. C’era da aspettarselo che il mare si riprendesse la sabbia».E appunto il lido Azzurro di Carlo Scalzone è quello che deve essere presto tutelato,i lavori della barriera per come sono stati fatti, hanno penalizzato solo quella spiaggia messa a dura prova costantemente dal mare che provvede ad erodere proprio quel tratto di spiaggia.Una barriera sotto marina o addirittura emersa può risolvere il problema del Lido azzurro di Carlo Scalzone e per questo si starebbero studiando una serie di soluzioni al vaglio della giunta municipale. Sergio Vessicchio

CAMPOLONGO: RAPINATA IN CASA E PICCHIATA: ANZIANA IN FIN DI VITA

E’ in fin di vita la signora Vincenza, 88enne rapinata una settimana fa da due malviventi che fecero irruzione nella sua abitazione a pochi chilometri da Campolongo. I banditi dopo aver colpito alla testa l’anziana portarono via 15mila euro di oggetti preziosi. Dopo la rapina, fu la stessa anziana a chiamare i carabinieri, poi l’ambulanza. La pensionata, soccorsa subito, sembrava solo spaventata. I primi controlli in ospedale non segnalarono ferite interne, nè lesioni preoccupanti.Dopo otto giorni,il quadro clinico è peggiorato all’improvviso. I sanitari credono che tra l’emorragia e la rapina ci sia un collegamento.

INCENDI IN CAMPANIA, GALLETTI: “DA META’ GIUGNO, OLTRE 4000 INTERVENTI”

NAPOLI – Gli incendi che si sono verificati nell’area della provincia di Napoli hanno interessato 1600 ettari del Parco Nazionale del Vesuvio, dei quali circa 550 relativi alla Riserva Forestale “Tirone Alto Vesuvio”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, in audizione oggi presso la commissione Ambiente del Senato. “In merito al Parco Nazionale del Vesuvio lo scorso 12 luglio, mi sono recato in loco, in ragione della situazione eccezionale che si è creata – ha affermato il ministro -. Lo scenario ha messo in evidenza l’aspetto doloso del fenomeno e quindi la necessità di operare in modo altrettanto eccezionale per poter fronteggiare la situazione in modo adeguato, sia con le forze di polizia che con l’esercito, per un’adeguata azione di presidio del territorio, in collaborazione con il Ministero dell’interno e con il Ministero della difesa”. “Sempre con riferimento alla Regione Campania, e più in particolare alla provincia di Napoli – ha proseguito Galletti – il Procuratore della Repubblica di Napoli e il Procuratore di Torre Annunziata hanno confermato che sono tuttora in corso le indagini in relazione agli eventi incendiari verificatisi nell’area. In relazione all’entita’ del fenomeno, da una prima, sia pur approssimativa, stima dei danni risulta che i tre incendi abbiano interessato complessivamente circa 1600 ettari del Parco Nazionale del Vesuvio, dei quali circa 550 relativi alla Riserva Forestale “Tirone Alto Vesuvio”. Il ministro ha però parlato anche di quello che sta succendendo in tutta la Campania: “La Regione si è dotata di una propria struttura, all’interno della quale è presente anche l’ulteriore sala operativa cosiddetta ‘terra dei fuochi’ e da meta’ giugno a metà luglio, la Regione ha inviato al Coau della Protezione civile 158 richieste di concorso aereo, di cui 52 solo nel periodo dal 17 al 23 luglio, ed in particolare 24 nella sola provincia di Salerno e 19 nella provincia di Napoli. In particolare, i Vigili del fuoco hanno realizzato, in questo periodo, più di 4.613 interventi a terra. Nel medesimo arco temporale sono state attivate dal Centro Operativo Aereo Unificato 158 interventi, con l’impiego dei Canadair in 116 casi – ha aggiunto -. Va inoltre segnalato che, attualmente, nel territorio campano sono dislocati 2 elicotteri del Corpo nazionale”.

 

SEI DISCARICHE ABUSIVE SUL FIUME TUSCIANO: 90 INDAGATI

Battipaglia – Abusivamente avevano occupato l’area demaniale fluviale lungo l’alveo del fiume Tusciano sul territorio Salernitano dei comuni di Acerno, Montecorvino Rovella, Olevano sul Tusciano e Battipaglia. La Guardia di Finanza stamani ha eseguito 71 decreti di sequestro preventivo emessi dal gip del tribunale di Salerno. Dopo mesi di indagini i militari della sezione operativa navale delle fiamme gialle di Salerno hanno sequestrato circa 255mila metri quadrati di insediamenti abusivi. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura di Salerno, sono state individuate e sequestrate sei discariche abusive, nelle quali sono stati smaltite oltre mille tonnellate di rifiuti. Al momento sono indagate novanta persone. Il valore dei beni sequestrati ammonta a 43 milioni di euro, mentre il valore del danno erariale stimato si aggira intorno ai 2,5 milioni di euro. All’operazione ha collaborato anche il Genio Civile di Salerno, ente competente sul demanio idrico fluviale.

NUOVO INTERROGATORIO PER DAMIANI, INDAGATO OMICIDIO VASSALLO

„L’uomo è indagato, insieme ad altre tre persone, dell’uccisione del sindaco di Pollica Angelo Vassallo, avvenuta il 5 settembre 2010. Fin dall’apertura dell’inchiesta ha sempre dichiarato di essere innocente“. E’ previsto per domani mattina – riporta Il Mattino – il quinto interrogatorio di Bruno Humberto Damiani, indagato per l’omicidio di Angelo Vassallo avvenuto il 5 settembre 2010. Lui, infatti, è uno dei maggiori sospettati dell’uccisione del sindaco di Pollica insieme ad altre tre persone. Nei mesi scorsi è stato effettuato un nuovo esame del Dna prelevando un campione di saliva di Damiani a dimostrazione che (come confermato anche dalla presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi) l’inchiesta non è chiusa. Anzi, gli inquirenti potrebbero avere elementi importanti tanto da aver chiesto ed ottenuto una proroga delle indagini fino all’anno prossimo.

AGROPOLI,NEW CARRUBO -3 IL 29 GRANDE INAUGURAZIONE

AGROPOLI,ALLA PIZZERIA ANNA LA FESTA DEL FRITTO  GIOVEDÌ 27 LUGLIO 

VALLO DELLA LUCANIA,RESTITUITO L’ORO DI SAN PANTALEO,DOMANI SOLENNE PROCESSIONE

VALLO. Un lungo applauso. Sul volto dei tanti fedeli presenti in Cattedrale la grande emozione del momento. Il tesoretto di San Pantaleone è tornato nella chiesa madre di Vallo della Lucania. Un momento solenne  organizzato non a caso alla vigilia dei festeggiamenti per il Santo Patrono. Sono stati sufficienti sei mesi di intenso lavoro investigativo ai carabinieri di Vallo della Lucania con il capitano Mennato Malgieri per recuperare loro in Romania, riportarlo in Italia e restituirlo alla comunità di Vallo. Ieri sera in Cattedrale alla presenza del vescovo Ciro Miniero l’arma dei  capitano con il comandante provinciale Antonino Neosi e il capitano Malgieri ha ufficialmente riconsegnato l’oro alla comunità locale. Anelli, collane , bracciali ex voto sistemati in una bacheca donati dai fedeli nel corso degli anni. Probabilmente non di grande valore economico ma di inestimabile valore affettivo per i fedeli di San Pantaleone. Parole di gioia sono state espresse dal vescovo Miniero “È un giorno importante per l’intera comunità diocesano, ringraziamo San Pantaleone per questo momento di gioia”. Il vescovo ha più volte ringraziato l’arma dei carabinieri per il lavoro,  impeccabile,  svolto, la Procura  e il Tribunale presenti in cattedrale con il procuratore Itri, il sostituto Palumbo e il presidente De Luca.  All’indomani del furto messo a segno nella notte tra il 31 gennaio e il primo febbraio sono smetti assicurati alla giustizia gli otto malviventi autori del colpo. Il colpo durò pochi minuti. I malviventi nella stessa notte ripartirono per la Romania. Sono stati in pochi giorni identificati e arresati. L’attività investigativa non si è mai fermata. Il capitano Malgieri  aveva  promesso il ritrovamento del tesoretto. Gli ex voto dovevano essere restituiti ai fedeli e al Santo Patrono. Troppo grande la ferita aperta dal colpo messo a segno dai malviventi.  Una decina di giorni fa l’attesa notizia.  L’oro è tornato  in Cattedrale ma ci vorrà del tempo prima che venga esposto nuovamente . Il comitato ha intenzione di preparare una teca più sicura. Intanto i fedeli avevano ricominciato a donare altri oggettini di oro pronti a ridare il tesoretto a San Pantaleone. Visibilmente emozionato il parroco Don Aniello Scavarelli “Ringraziamo San Pantaleone – ha ribadito – e i carabinieri che non hanno smesso mai di lavorare e  preghiamo per gli otto malviventi affinché capiscano  il male che ci hanno fatto”. Il comune con il sindaco Antonio Aloia ha consegnato medaglie e targhe per i militari e le autorità che hanno lavorato per il ritrovamento dell’oro.Carmela Santi

AGROPOLI,SUL LUNGOMARE DALLA NOTTE BLU ALLE STRISCE BLU,MONTA LA PROTESTA

Doveva essere il lungomare dei sogni quello delle notti estive da ricordare,quello dei tramonti suggestivi è diventata una strada come quelle delle zone industriali.Luci gialle,auto parcheggiate e gente che corre su moto e automobili di tutti i tipi.Il più bel lungomare insieme a quello di Maiori di tutta la provincia di Salerno è diventato un luogo schifoso dove impera l’abusivismo,impazza l’arroganza e si rischia la vita continuamente.Non hanno fatto ancora nemmeno la notte blu,rinviata giù due volte hanno grande difficoltà a mettere insieme i tasselli giusti per poterla promuove e va a finire che la faranno in pieno agosto quando c’è già tanta gente,meglio evitarla a questo punto.Abbandono totale?Non si direbbe tutto è rapportato a quello che si vuole fare.L’attuale amministrazione non vuole dare alla città l’indirizzo turistico e da una dimensione diversa .Per cui il lungomare dalla notte blu passa alle strisce blu per meri scopi economici.Non hanno più un euro(si fa per dire) e hanno trovato l’escamotage del pagamento del parcheggio per cercare di aprire qualche capitolo di spesa in più in un bilancio dove c’è penuria di fondi.In pratica l’amministrazione ha scelto il lungomare per fare economia posizionando strisce blu da una parte e dall’altra e creando ancora malumori e dissensi.Se nel caso della movida aveva fatto dei provvedimenti per distruggerla in questo caso l’amministrazione è intenda a colpire i negozianti e gli operatori turistici del lungomare San marco perchè con il parcheggio a pagamento in entrambi i lati  e con l’aumento di un euro all’ora si tengono lontani gli agropolesi e i turisti.La gente protesta,i turisti  sono schifati,gli operatori turistici sono sul piede di guerra.La proposta in giunta è stata portata dall’assessore al bilancio Roberto Mutalipassi su suggerimento di Adamo Coppola e Massimo la Porta di cui è espressione ed è stata votata da tutta la giunta comunale.Il provvedimento che non sfiora nemmeno l’anticamera del cervello di Abate e Caccamo ha invece trovato molti dissensi nella maggioranza stessa dove ci sono consiglieri i disaccordo su tutta la linea.Intanto la gente protesta per questo ennesimo provvedimento capestro.E dalla notte blu ad Agropoli sul lungomare si passa alle strisce blu.Una bella inversione di marcia altrimenti come si versano i fondi nella casse della pro loco (sotto) sviluppo Agropoli,o al carnevale sempre più scadente o a tante altre inutili situazioni.Per pagare gente che non ha ne arte e ne parte stravolgono la vita di una città e ne  cambiamo l’etichetta.Altro che notte blu,su lungomare sono le strisce ad essere blu.Sergio Vessicchio